Fabrizio Di Ernesto

Il Gruppo di Puebla rilancia la necessità di integrazione in America Latina

Il Gruppo Puebla, forum politico ed accademico della regione indiolatina, è tornata a sottolineare la necessità di rafforzare l’integrazione nell’area.

Questo quanto emerso dall’VIII Incontro del Gruppo di Puebla che si è aperto ieri a Città del Messico con l’appello di alcuni dei relatori che hanno preso parte alla sua sessione di apertura dedicata all’integrazione politica ed economica dell’America Latina e dei Caraibi, mentre la Bolivia ha denunciato un tentativo di colpo di Stato in corso.

I partecipanti hanno anche festeggiato l’elezione di Xiomara Castro in Honduras.

Tra gli impegni presi quello di fornire nuove proposte per promuovere il modello di sviluppo solidale nella regione iniziative che, nelle intenzioni dei proponenti, saranno utili per combattere la disuguaglianza, la povertà e l’emarginazione politica in altre aree del pianeta, come spiegato dal ministro degli Esteri messicano Marcelo Ebrard.

Ebrard ha ricordato che al di là delle differenze, i membri del Gruppo si uniscono con l’aspirazione a costruire società più giuste ed egualitarie, a ridurre le disuguaglianze, a fermare la violenza e la corruzione e a consolidare la pace.

Il presidente della Bolivia, Luis Arce, è intervenuto nella sessione di apertura del forum per denunciare che la destra locale si sta ricomponendo e sta cercando di rilanciare il golpe che ha preso il potere al popolo nel novembre 2019. Il primo mandatario del paese andino ha detto che attraverso i cosiddetti movimenti civici e facendo appello a varie questioni dietro le quali c’è sempre un’agenda politica chiara, l’oligarchia cerca di destabilizzare e ottenere in questo modo ciò che non può vincere alle urne.

Arce ha poi ricordato che il suo governo dà la priorità all’assistenza sanitaria dalla pandemia, alla ripresa dalla recessione economica causata dal Covid-19 e dal governo golpista, nonché all’amministrazione della giustizia sulle violazioni dei diritti umani avvenute durante il mandato autonominatosi di Jeanine Áñez.

Il presidente dell’Argentina, Alberto Fernández, nel suo intervento ha precisato che la pandemia legata al Covid-19 ha fatto precipitare il mondo in una crisi globale e che ora è necessario lavorare insieme per recuperare la logica dello sviluppo produttivo per l’intero continente. Il politico peronista ha anche denunciato la distribuzione ineguale dei vaccini contro il Covid-19 e il fatto che le nazioni più ricchi abbiano trattenuto il 90% delle dosi quando rappresentano solo il 10% della popolazione mondiale.

A questa denuncia si è aggiunto anche l’ex presidente dell’Ecuador, Rafael Correa, che da parte sua ha assicurato che l’integrazione regionale deve portare anche allo sviluppo della conoscenza e alla produzione di questi e altri farmaci, per non dipendere dalle nazioni più ricche nello sforzo di salvare vite umane.

La necessità di integrazione basata su bilanci politico-sociali e non solo economico-commerciali ha occupato parte dell’intervento dell’ex presidente del Brasile, Dilma Rousseff, che ha invitato a sfruttare le migliori esperienze raccolte dai governi democratici e progressisti.

L’ex premier spagnolo, José Luis Rodríguez Zapatero, ha invece spiegati che siamo di fronte a nuove sfide globali e, tuttavia, le istituzioni create dalla comunità internazionale per affrontarle mancano di forza e legittimità; quindi ha messo in guardia dalla destra, che ha diffuso l’idea che il problema sia il comunismo in America Latina e nei Caraibi, quando in realtà è la povertà e la disuguaglianza.

Alla sessione di apertura hanno partecipato anche la Vicepresidente del Perù, Dina Boluarte; l’ex candidato alla presidenza del Cile, Marco Enríquez-Ominami; il direttore esecutivo della Commissione economica per l’America Latina ei Caraibi (Cepal), Alicia Bárcena, e il presidente del Partito Morena del Messico, Mario Delgado.

Honduras: Xiomara Castro verso la presidenza

Le presidenziali dell’Honduras sembrano indicare una svolta a sinistra per il paese caraibico con la vittoria di Xiomara Castro del Partito libertà e rinascita.

Il presidente del Consiglio elettorale nazionale (Cne) dell’Honduras, Kelvin Aguirre diffondendo i primi risultati ha spiegato che Castro è in vantaggio con il 53,51% dei voti mentre il candidato di centrodestra del Partito nazionale, Nasry Asfura, si attesta intorno al 33% mentre Yani Rosenthal del Partito liberale non arriverebbe al 10%.

In merito alla partecipazione alle urne Aguirre ha riferito: “Abbiamo raggiunto una partecipazione storica con oltre il 68% dei partecipanti. Il popolo honduregno che ha dimostrato di poter costruire il nostro futuro in pace, con il confronto e la democrazia”

Per quanto riguarda la dinamica della giornata elettorale, il presidente del Cne ha confermato che si è svolta senza intoppi, “evidenziamo l’impeccabile livello di sicurezza con cui si sono svolte le elezioni, è stato organizzato tutto con successo”, ha aggiunto.

“Per essere la prima volta che viene utilizzato questo nuovo sistema, informo la popolazione che il sistema di verifica biometrica è stato un fattore determinante nel generare la purezza e la trasparenza del processo”, ha spiegato Aguirre.

Dopo aver conosciuto i primi risultati elettorali, la vincitrice in pectore delle elezioni Xiomara Castro, del partito Libertad y Refundación (Libre), ha ringraziato il popolo e tutti i settori politici che le hanno permesso di ottenere la vittoria.

Nelle sue dichiarazioni, Castro ha annunciato che formerà un governo di riconciliazione, pace e giustizia e ha aggiunto che lavorerà per costruire una vera democrazia partecipativa nel Paese centroamericano.

La socialista ha affermato che la sua vittoria virtuale fine all’autoritarismo e alla continuità in Honduras “mai più si abuserà del potere in questo paese, perché da questo momento in poi il popolo sarà al centro delle attenzioni in Honduras”.

Ecuador: rappresentanti indigeni si ritirano dal dialogo con il governo

La Conaie, Confederazione delle nazionalità indigene dell’Ecuador, ha annunciato la decisione di ritirarsi e sospendere così i dialoghi con il governo a causa della mancanza di risultati alle proprie richieste.

Il presidente della Conaie, Leonidas Iza, ha affermato di non aver ricevuto risposta dal governo di Guillermo Lasso dopo i dialoghi avvenuti il ​​4 ottobre e il 10 novembre. Nell’ultimo incontro tra le parti Iza ha chiesto al presidente Lasso anche l’abolizione dei decreti che aumentano i prezzi del carburante; l’esecutivo da parte sua ha dato un assenso di massima senza però specificare l’eventuale tempistica.  

“In assenza di risposta, ratifichiamo la proposta presentata al Governo e dichiariamo che non torneremo a nessun processo di dialogo che non abbia risultati”, ha spiegato il leader indigeno.

Il gruppo dirigente del Conaie ha stabilito nel Consiglio Allargato che da gennaio riprenderanno le mobilitazioni contro il presidente Guillermo Lasso. Il leader indigeno ha precisato che le nuove proteste sono dovute alla mancanza di risposta e volontà politica del governo di stabilire un processo di dialogo reale con i settori sociali dell’Ecuador. Gli indigeni chiedono anche la cessazione dello sfruttamento delle risorse naturali nelle aree in cui vivono, punto sul quale non c’è nemmeno un accordo con il governo ecuadoriano.

Biden divide il mondo in buoni e cattivi

Il presidente statunitense Joe Biden ha organizzato il Primo summit per democrazia che si terrà in forma virtuale il 9 e 10 dicembre e divide il mondo in buoni e cattivi.

Il primo mandatario di Washington ha infatti deciso di lasciare fuori la Cina, la Russia, la Turchia e l’Ungheria invitando però Taiwan e creando nuovi contrasti con Pechino.

Per continuare a leggere clicca qui —> https://www.edicolaweb.tv/nel-mondo/paesi-buoni-e-cattivi-secondo-biden/

Cile: il ballottaggio sarà tra Kast e Boric

Il ballottaggio per le presidenziali cilene sarà una sfida tra l’ultraconservatore Josè Antonio Kast e il leader di una nuova sinistra, Gabriel Boric; questo l’esito del primo turno delle presidenziali nel paese indiolatino che hanno registrato un’affluenza molto bassa, appena il 47%.

L’esito del voto ha confermato i sondaggi della vigilia che prevedevano la vittoria al primo turno di Kast (Partido Republicano) con il 27,91% e 150mila voti in più di Boric (Frente Amplio) che ha ottenuto il 25,83% con la destra che ha ripreso la maggioranza assoluta al Senato.

Soddisfatti i mercati per l’esito del voto, l’indice IPSA della Borsa di Santiago ha guadagnato sette punti, mentre il Peso ha recuperato il 2% sul dollaro.

Il ballottaggio si preannuncia quanto mai aperto visto che nella storia politica cilena mai i due contendenti erano separati da meno del 2% dei voti e fino ad oggi nessuno ha mai recuperato lo svantaggio iniziale.

In vista della sfida finale Kast ha rispolverato i simboli di “Dio, Patria e famiglia” avvertendo che il suo impegno sarà per “una dura lotta alla corruzione, al narcotraffico e alla criminalità”, ma soprattutto si adopererà per “arginare il comunismo, assicurando ai cileni una strenua difesa di libertà e democrazia, per garantire che mai il Cile sarà come Cuba o il Venezuela” il tutto ovviamente grazie a nuove liberalizzazioni e a meno interventi dello Stato nell’economia.

Da parte sua Boric ha sostenuto che “gli elettori ci hanno dato una responsabilità tremenda: guidare una sfida per la libertaà e la democrazia”. Il leader di Apruebo Dignidad, che include il Partito comunista, ha chiesto ai suoi di non scoraggiarsi per la vittoria parziale del suo rivale al primo turno perché “non è la prima volta che partiamo da dietro e lo abbiamo fatto con successo nelle battaglie di questi anni”.  Boric si è infine impegnato, se eletto, a introdurre un welfare sociale di tipo europeo, sconosciuto nel Cile liberista, con la presenza di uno Stato garante di salute, istruzione, occupazione e pensioni dei cittadini.

Lo scontro tra Usa e Russia si sposta nello Spazio

Tra Usa e Russia ora è guerra per lo Spazio. Lunedì scorso, il 15 novembre, Mosca ha infatti condotto un test missilistico terra-spazio in cui ha abbattuto «con successo» un satellite di era sovietica, lo Tselina-D.

Il gesto però ha indispettito gli Usa che hanno accusato la Difesa russa di aver creato in questo modo una pericolosissima nuvola di detriti, tanto da aver costretto gli astronauti presenti sulla Stazione Spaziale Internazionale (Iss) a cercare rifugio nel modulo Soyuz fino al cessato allarme.

Per continuare a leggere cliccare qui —> https://www.edicolaweb.tv/nel-mondo/russia-usa-in-guerra-per-lo-spazio/

Messico riceve sostegno per Piano Fraternità e Welfare

Circa cento paesi hanno mostrato il loro sostegno al Piano mondiale per la fraternità e il benessere, proposto dal Messico tramite il presidente Andrés Manuel López Obrador. A riferirlo il ministro degli Esteri di Città del Messico Marcelo Ebrard.

L’iniziativa mira a ridurre sensibilmente la povertà nel mondo e a tal fine si propone di raccogliere circa il quattro per cento del capitale delle aziende e delle persone più potenti del mondo realizzando un fondo destinato a questo scopo.

Il governo del paese indiolatino ha anche proposto che i paesi che fanno parte del G20 contribuiscano a risolvere il problema della fame nel mondo destinando a questo scopo lo 0,2% del loro Prodotto interno lordo (Pil); secondo le prime stime l’obiettivo annuale sarebbe quello di generare una cifra vicina ai mille miliardi di dollari che verrebbe consegnata a circa 750 milioni di persone che vivono con meno di due dollari al giorno e avrebbe anche il sostegno del Fondo Monetario Internazionale (FMI) e della Banca Mondiale.

Il piano è stato proposto ufficialmente dal presidente Lopez Obrador una settimana fa nel corso di una riunione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu presieduta nell’occasione proprio dal primo mandatario messicano.

Argentina: successo delle opposizioni nelle elezioni

I dati finali delle elezioni legislative di domenica in Argentina evidenziano una grande avanzamento della coalizione di opposizione di centrodestra Insieme per il cambiamento ed una sonora sconfitta per il Fronte di tutti che ha perso in 15 delle 24 provincie del paese indiolatino, soprattutto nella capitale Buenos Aires.

A rendere la sconfitta ancora più sonora la perdita della maggioranza nel Senato per i peronisti, di conseguenza per il presidente Alberto Fernandez si annuncia una seconda parte di mandato da “anatra zoppa”, anche se la mancanza di appena due senatori potrebbe aprire a nuovi scenari anche perché Frente de todos continua ad essere il primo partito nel paese.

Il presidente Alberto Fernandez nel suo discorso ha osservato: “Abbiamo perso ma non siamo stati sconfitti. Siamo vivi ora dobbiamo riemergere. Siamo peronisti”.

I dati però evidenziano un risultato molto deludente. I peronisti hanno ottenuto solo il 33 per cento dei voti a livello nazionale. Da quando il generale Juan Domingo Peron (tre volte presidente dell’Argentina) ha fondato il movimento nel 1945, non ha mai ottenuto così pochi voti. “Per Alberto Fernandez, i prossimi 90 giorni saranno fondamentali. Tre sono i temi centrali: la gestione dell’economia; l’appello al dialogo con l’opposizione, gli imprenditori e i sindacati; e il controllo del Congresso”, scrive il quotidiano Ambito, vicino al governo.

A complicare la situazione poi la trattativa con il Fmi per il debito e in tal senso il presidente ha annunciato l’invio al Congresso di un progetto con un “programma economico pluriennale per lo sviluppo sostenibile”, che conterrà le intese fin qui raggiunte con il Fondo.

La Bielorussia ricatta l’Europa con gas e migranti

Con la crisi dei migranti tra Polonia e Bielorussia alle stelle il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko, sostenuto politicamente dal russo Vladimir Putin, alza il tiro e ora minaccia di bloccare il transito del gas russo verso Europa. Il tutto in un momento in cui il Vecchio Continente è già alle prese con il rincaro dei prezzi legati al comparto energetico.

Per continuare a leggere cliccare qui —> https://www.edicolaweb.tv/nel-mondo/la-crisi-polonia-bielorussia/

Matteo la Trottola. Le giravolte politiche di Salvini

In politica i consensi sono tutto ed infatti segretari, ministri, deputati e senatori sono sempre attenti a dire la frase o anche solo la parola giusta che possa portare nuovi voti, anche a costo di rimangiarsi cose giurate e spergiurate anche poche ore prima.

Campione in questo senso è sicuramente il leader leghista Matteo Salvini di cui ormai non si riescono più a contare le giravolte fatte, non a caso ha iniziato a fare politica nel fantomatico parlamento padano tra le file dei comunisti ed oggi è punto di riferimento dei sovranisti e di una parte della destra radicale.

In tempi di coronavirus i cambi di idea del Capitano si sono fatti più frequenti e veloci; non appena sono iniziati a diffondersi i primi casi ha iniziato a chiedere al governo Conte II di chiudere tutto quindi si è fatto portavoce di coloro che chiedevano di riaprire. Anche su vaccino e green pass non è riuscito a rimanere fermo sulle proprie posizioni. Non appena si è iniziato a parlare di certificazione verde si è subito detto contrario cercando al contempo consensi tra i No-vax, tempo poche settimane dopo il suo partito ha votato la fiducia al governo Draghi legata al green pass ed ha dichiarato pubblicamente di essersi vaccinato.

Anche su Draghi il leghista sembra avere le idee molto confuse. Oggi, infatti, con la Lega appoggia il premier ed il governo ed è pronto a sostenere l’ex Governatore della Banca d’Italia al Quirinale ma quando questi era il presidente della Banca centrale europea lo definiva un burocrate complice “di chi sta affossando la nostra economia” dedicandogli anche alcuni tweet al veleno.

Clamorosa, e per certi versi ancora incomprensibile a molti, la scelta avvenuta nell’agosto 2019 di far cadere il governo Conte I; nonostante il successo ottenuto alla Europee precedenti, Lega primo partito con oltre il 34% dei voti, e le difficoltà di convivenza con i 5 Stelle, Salvini aveva più volte assicurato: “io ho dato la mia parola e la mia parola vale 5 anni non cinque mesi” sebbene poi i fatti abbiano smentito anche questa affermazione.

Essere al governo sembra essere quasi un tormento per l’ex titolare del Viminale che sembra non ricordare, o quanto meno essersi pentito, di alcuni provvedimenti varati anche grazie a lui. È questo il caso del Reddito di cittadinanza dove la giravolta è stata a 360 gradi. Entrato in vigore durante il primo governo Conte, sostenuto da Lega e M5S, Salvini ne ha successivamente chiesto la cancellazione sostenendo che in alcune zone specie del Sud stava diventando un incentivo al lavoro in nero, a fine agosto aveva anche detto che avrebbe firmato lui stesso l’emendamento alla Legge di bilancio per abolirlo, ma ora la sua Lega e pronta a prorogarlo “a chi non può lavorare: disabili, invalidi, chi ha la moglie, il marito o il figlio a casa da curare 24 ore su 24”. Domenica scorsa l’ennesima retromarcia sostenendo la necessità di tagliare gli sprechi del reddito di cittadinanza e destinarli a due obiettivi: taglio delle tasse sulle bollette di luce e gas, aumento del bonus per genitori separati e divorziati che dopo il Covid non riescono a pagare l’assegno di mantenimento a figli o ex coniugi”

Anche sugli alleati Salvini è solito cambiare idea.

Nel febbraio 2019 l’allora vicepremier giurava e spergiurava di aver chiuso con la vecchia alleanza di centrodestra, sottolineando che la Lega considerava chiusa la stagione politica al fianco di Berlusconi “con cui governiamo nelle Regioni e nei comuni ma finisce lì”, lo scorso agosto però è andato ad incontrare l’ex Cavaliere nella sua residenza sarda per lavorare alla nascita di una Federazione di centrodestra, se non altro leggermente diversa rispetto al passato visto che per il momento vedrebbe solo Forza Italia ed il Carroccio ma non Fratelli d’Italia.

Per carità cambiare opinione è più che lecito e non costituisce certo reato ed un vecchio adagio recita che solo gli stupidi non cambiano mai idea ma Salvini a volte sembra davvero esagerare.